C.H.U.D. II — Bud the Chud

Alcuni adolescenti rubano un cadavere (Graham), non consapevoli che si tratta di un mutante cannibale che passa le sue abitudini a chiunque morda. Un sequel rispetto molto peggiore dell’originale, ma Graham è davvero divertente nei panni del mostro. Sceneggiatura accreditata a “M. Kane Jeeves”.

C.R.A.Z.Y.

Fin dall’infanzia, a Zach hanno detto di essere in possesso del dono, concessogli da Gesù, di far guarire le persone… ma lui è maggiormente preoccupato di poter essere gay. Già distante dai fratelli maggiori, ciò rischia soprattutto di far infuriare il suo fiero e autoritario (nonché omofobico) padre. Questa appassionante commedia/dramma copre molti anni nella vita di una famiglia, dal 1960 al 1980, durante i quali registra la presa di coscienza da parte del giovane. Suona tutte la scala delle emozioni ma senza mai prendere una stecca. Scritto da Vallée e Franµois Boulay. Vincitore di dieci Genie Awards, compreso quello per il miglior film.

C’è post@ per te

Lungo ma gradevole remake di Scrivimi fermo posta, con la Ryan nei panni di un’orgogliosa proprietaria di una libreria di quartiere e Hanks in quelli del capo di una catena di supermercati che vuole metterla fuori gioco negli affari. Dovrebbero essere nemici mortali, ma sono anche amici per e-mail, senza conoscere l’identità l’uno dell’altra. Un film leggero e piacevole, con due star irresistibili. Tuttavia, l’utilizzo di vecchie canzoni (adatte per un film precedente della Ephron come Insonnia d’amore) in questo caso si rivela inappropriato e pretenzioso.

C’è sempre un domani

La recitazione d’insieme della compagnia di repertorio della Warner rende più intenso il vero racconto di un marine rimasto accecato durante un attacco giapponese, con Garfield nella parte dell’infortunato Al Schmid e Clark in quella del comprensivo amico. Sceneggiatura di Albert Maltz.